martedì 13 settembre 2016

L'unione di Zolfo e Mercurio. Un estratto da: "Aion", C. G. Jung

L’avvento dell’Anticristo non è una mera predicazione profetica, ma un’inesorabile legge psicologica la cui esistenza, benché ancora ignota all’autore delle Lettere giovannee (L’Apocalisse), lo portò alla certezza dell’imminente enantiodromia. Perciò egli scrisse come se avesse coscienza della necessità interna di questa trasformazione, anche se l’idea certo gli si presentò come rivelazione divina. In realtà, ogni più alta differenziazione dell’immagine di Cristo determina un corrispondente rafforzamento del complemento inconscio, incrementando con ciò la tensione tra l’alto e il basso, il sopra e il sotto.
È come se con l’avvento di Cristo, le antinomie prima latenti fossero divenute manifeste, o come se un pendolo, dopo aver violentemente oscillato da una parte, eseguisse il movimento complementare anche dall’altra. Nessun albero, si dice, cresce fino al cielo a meno che le sue radici non tocchino l’inferno. Il duplice significato del movimento sta nella caduta del pendolo. Cristo è senza macchia; ma fin dall’inizio della sua carriera ha luogo l’incontro con Satana, l’avversario che fa da contrafforte a quell’immensa tensione nell’anima del mondo costituita dalla comparsa di Cristo. Satana è inseparabile da Cristo, come l’ombra appartiene alla luce, come il mysterium iniquitatis accompagna il sol iustitiae, come un fratello è unito all’altro fratello. Entrambi aspirano al regno: l’uno al regno dei cieli, l’altro al principatus huius mundi. Si sente parlare di un “regno millenario” e di un “avvento dell’Anticristo”, come se tra i due fratelli regali fosse avvenuta una spartizione di mondi e di epoche. L’incontro dovette quindi essere un po’ più che accidentale: fu unione.
Quando un fatto interiore non viene reso cosciente, si produce fuori, come destino. Ossia, quando il singolo rimane indiviso e non diventa cosciente del suo antagonismo interiore, il mondo deve per forza rappresentare quel conflitto e dividersi in due.



Nessun commento:

Posta un commento